Come fare la pulizia alla macchina del caffè e al macina caffè

In questo articolo ti parlerò di un argomento tanto basilare quanto importante. Scoprirai perché ci sono posti che sono delle calamite per i clienti ed altri invece che rimangono inosservati e a volte proprio evitati dalla maggior parte delle persone.

Ti sarà capitato sicuramente di entrare in un bar, chiedere un buon caffè (o per lo meno, sperare in un buon caffè XD ) e nell’attesa di riceverlo, guardarti un po’ intorno.

Forse hai già capito di cosa voglio parlarti oggi… Non è vero?!

Ebbene sì, oggi l’argomento che mi preme affrontare è proprio la PULIZIA!

E sono pronto a scommettere, che nell’attesa di ricevere il tuo caffè lo sguardo ti si sarà poggiato su quelle “meravigliose” striature gialle che spesso capita di trovare sulle campane dei macinacaffè di molti bar.

Oppure sulle lance vapore incrostate di latte cotto, rimasto attaccato dall’ultimo cappuccino che è stato preparato proprio da quel barista che in questo momento sta preparando IL TUO CAFFè.

 Purtroppo però spesso non ci facciamo caso perché ormai è diventata la normalità vedere i macinacaffè in queste condizioni oppure le lance vapore bianche che sembra siano state verniciate.

Il problema è che la maggior parte dei clienti non sa cosa sono quelle belle sfumature sulla tramoggia del macinino e magari pensano pure che siano state fatte apposta.

Ma tu, che se stai leggendo questo articolo probabilmente lavori in un bar oppure sei dotato di una curiosità superiore alla media delle persone che si limita ad una conoscenza superficiale delle cose…

Quindi,  TU DEVI SAPERLO!

Non è nient’altro che sporcizia!

Ebbene sì,

in particolare sono gli oli essenziali rilasciati dai chicchi di caffè che si depositano sulla superficie trasparente delle tramogge dei macinacaffè e che irrancidiscono ingiallendo e ammuffendo.

Un processo non troppo diverso da quello che accade all’interno del bidone dell’umido di casa tua dopo qualche giorno che ci  butti gli scarti avanzati dai pasti.

Sai cosa faccio io quando entro in un bar e vedo le tramogge dei macinacaffè sporche oppure le lance vapore con cui vengono preparati i cappuccini perennemente incrostate di latte irrancidito?


CHIEDO UNA BOTTIGLIETTA D’ACQUA NATURALE, PAGO, ED ESCO!

È una questione di principio:

Se a chi ti serve non viene in mente che gli strumenti che utilizza per preparare UN CAFFè vanno mantenuti puliti, non oso immaginare cosa potremmo trovare se andassimo a curiosare dentro il frigorifero degli affettati e dei formaggi che vengono utilizzati per farcire i panini che ci mangiamo a pranzo.


Se andassi in un ristorante e ti servissero da mangiare in un piatto sporco, mangeresti lo stesso quello che ti è stato servito?

CREDO PROPRIO DI NO…

E allora perché dovrei accettare di bere un cappuccino fatto con una lancia vapore incrostata di latte vecchio e rancido?!

Io non lo accetto, e come me, non lo fanno molte persone; ecco perchè la pulizia all’interno dei locali è un punto fondamentale se vuoi avere successo con i tuoi clienti.

Oggi vedremo tutte quelle pratiche che si DEVONO eseguire in termini di pulizia per quanto riguarda la macchina per espresso e il macinadosatore.

Ti senti pronto? Let’s start!

Iniziamo con la macchina del caffè:

Le parti dove si accumula maggior sporcizia durante l’orario di lavoro sono senz’altro:

  •  le lance vapore quando viene montato il latte per preparare qualsiasi bevanda a base di crema di latte. ( Molto spesso anche l’irrancidimento dei grassi presenti sulla lancia vapore possono creare disturbi allo stomaco: se ingeriamo spazzatura non possiamo sperare di sentirci troppo bene).
pulizia macchina del caffè

 Per mantenerle pulite durante il giorno ti consiglio di utilizzare una spugna umida dedicata alla rimozione del latte dalla superficie esteriore della lancia dopo ogni utilizzo.

In più ti consiglio di spurgare la lancia vapore prima e dopo l’utilizzo in modo da eliminare prima la condensa di acqua che si crea all’interno del canale della lancia, e dopo, per eliminare eventuali residui di latte rimasti all’interno della lancia vapore a causa della depressione che viene creata dalla chiusura del getto di vapore.

QUEST’ OPERAZIONE DI PULIZIA E’ FONDAMENTALE.

Ma non basta, infatti a fine giornata bisogna  fare un ulteriore lavaggio con un detergente dedicato alla rimozione del latte.

*Al termine di  quest’articolo ti elencherò alcuni detergenti PROFESSIONALI che potrai utilizzare fare la pulizia della macchina per Espresso.

La pulizia con un detergente previene la formazione di incrostazioni di latte nel canale da cui esce il vapore evitando cali di pressione dovuti a una riduzione del diametro del tubo interno alla lancia vapore.

Altre parti essenziali da pulire della macchine del caffè sono sicuramente i portafiltri (chiamati spesso in modo inappropriato braccetti o gruppi) e i filtri.

Ti è mai capitato di trovare dei fondi di caffè nella tazzina?

La maggior parte delle persone pensa che il problema dei fondi di caffè in tazza sia dovuto al macinato che passa attraverso il filtro ma in realtà la causa principale è la scarsa pulizia dei portafiltri.

Infatti nella parte inferiore del portafiltro dove il caffè si incanala per uscire dal beccuccio e finire in tazza, molto spesso parte della crema dell’Espresso rimane depositata e a causa della temperatura elevata carbonizza.

pulizia machhina del caffè

Poco alla volta la crema carbonizzata si accumula nel beccuccio del porta filtro, fino al punto in cui si stacca e finisce in tazzina.

Quando dovrai pulire i portafiltri sarà importante togliere i filtri in acciaio incastrati in essi.

 I filtri sono quella sorta di contenitori  forati in acciaio dove inserisci la povere di caffè che si incastrano all’interno dei portafiltri.

 Entrambe queste parti vanno pulite immergendole in una soluzione di acqua bollente e un detergente apposta per circa 20 minuti.

Il detergente dev’essere un prodotto che reagisce solo con le incrostazioni e permette di pulire in maniera ottimale queste componenti della macchina del caffè evitando però di rovinarle come invece faresti se andassi a grattarle con una spugna abrasiva.

Hai mai notato che l’interno dei portafiltri molto spesso cambia colore passando da un color acciaio a un color ottone?

Questo è dovuto al fatto che la maggior parte dei portafiltri in commercio sono fatti in ottone e vengono successivamente nichelati per evitare che durante l’estrazione del caffè, l’acqua calda a contatto con l’ottone possa estrarre metalli pesanti che sono nocivi per la nostra salute.


Se però pulisci il fondo del portafiltro con una spugna abrasiva andrai a ridurre la vita della nichelatura facendo sì che venga via molto più velocemente.

PULIRE I PORTAFILTRI CON UN DETERGENTE TI PERMETTE DI RALLENTARE QUESTO PROCESSO*.

Insieme ai portafiltri e ai filtri ti conviene inserire nello stesso contenitore anche le doccette della macchina del caffè e il diffusore dei gruppi.

Ti stai chiedendo cosa sono le doccette?

Beh, la doccetta è un filtro che troviamo attaccato al diffusore del gruppo della macchina e che evita che la polvere di caffè venga risucchiata nel condotto da cui viene erogata l’acqua quando l’estrazione termina e l’elettrovalvola aspira l’acqua rimasta nel portafiltro.

 Inoltre la funzione della doccetta è quella di distribuire l’acqua su tutta la superficie del filtro consentendo così una corretta estrazione.

Ci sono diverse tipologie di doccette in commercio a seconda della macchina del caffè che si vuole utilizzare ma le più comuni sono quelle a rete metallica.

Il diffusore invece è una base di metallo posta tra il gruppo e la doccetta che serve a rompere il getto d’acqua della macchina del caffè in più microgetti.

Anche il diffusore rende la distribuzione dell’acqua più omogenea sulla pastiglia di caffè.

Per evitare che i fori delle doccette e del diffusore si ostruiscano, ti consiglio di smontarli alla sera dopo la fine del servizio e di lasciarli immersi insieme ai filtri e ai portafiltri.

Ps.  se l’infusore non viene pulito da un po’ può capitare che rimanga attaccato alla parte superiore del gruppo della macchina del caffè, quindi cerca di staccarlo con una spugna evitando di bruciarti.

Ti stai per caso chiedendo se finalmente abbiamo finito con questa famigerata pulizia?

Beh, purtroppo no…

Dobbiamo ancora pulire il circuito interno dove passa l’acqua, infatti quando termina l’estrazione l’elettrovalvola della macchina del caffè risucchia l’acqua in eccesso che essendo “sporca” degli oli del caffè lascia residui all’interno del circuito che possono infondere sapori e odori sgradevoli quando estrarrete il caffè la mattina seguente.

Ti interessa capire come fare?

Beh è molto semplice,

basta prendere un filtro cieco (filtro senza i fori), incastrarlo in uno dei porta filtri della macchina del caffè e inserire un cucchiaino del detergente che hai utilizzato per pulire i portafiltri e i filtri:

  • Aggancia il portafiltro al gruppo della macchina del caffè e fai partire l’erogazione per 10 secondi.

  • STOP ALL’EROGAZIONE!
  • Dopo averla stoppata aspetta 10 secondi e poi falla ripartire per altri 10 e ripeti l’operazione per 5 volte su ogni gruppo della macchina del caffè.
  • Una volta conclusa l’operazione sciacqua il filtro cieco e ripeti la medesima operazione su tutti i gruppi  SENZA UTILIZZARE IL DETERGENTE in modo da sciacquare il circuito dai residui di detergente.

Allora tutto chiaro?

Ora ti basta pulire la vaschetta della macchina del caffè che sarà SICURAMENTE sporca e rimontare tutti i pezzi al posto giusto e vedrai che la tua macchina e il tuo caffè ti ringrazieranno infinitamente. ;))

 Ora dobbiamo occuparci della pulizia del macinacaffè!

Se nel tuo locale hai un macinadosatore (il macinadosatore è caratterizzato dall’avere un contenitore dove risiede il caffè macinato in attesa di essere utilizzato) dovrai pulire:

  • La tramoggia: è il contenitore in plexiglass incastrato sopra il macinino dove risiede il caffè in grani. La tramoggia va pulita con un sanificante apposito, ovvero un prodotto altamente volatile che non lascia residui ma che sgrassa la campana dagli oli essenziali rilasciati dai chicchi di caffè.
pulizia macchina del caffè

Ps. Anche questo prodotto lo troverai nella lista in fondo all’articolo.

Mi raccomando!

Non lavare mai la tramoggia (campana) in lavastoviglie in quanto i detersivi utilizzati per lavare le tazzine di solito sono molto aggressivi, opacizzano la campana e rilasciano residui che poi andranno a contaminare il caffè in grani.

  • Le macine: sono dei dischi di metallo con delle lame che sfregando una contro l’altra macinano il caffè rendendolo abbastanza fine da poterlo estrarre.

Anche sulle macine si depositano gli oli essenziali che dopo 3 giorni iniziano ad irrancidire e a infondere sapori ed odori sgradevoli. Per questo motivo vi consiglio di utilizzare ogni 3 giorni un prodotto specifico per le macine che va macinato come se fosse caffè e pulisce le macine da eventuali residui grassi.

Ovviamente il prodotto si depositerà nel dosatore e dovrà essere eliminato prima di macinare il caffè.

Questo prodotto deriva dall’amido di mais, quindi è totalmente organico e se

 dovesse essere ingerito non è nocivo ma ti consiglio di scartare i primi caffè se dovessi notare dei residui nel macinato.

  • Il dosatore: è il magazzino del caffè macinato, come ti anticipavo prima  è il luogo in cui il caffè attende di essere utilizzato. Anche qui molto spesso si possono notare righe gialle causate dall’irrancidimento degli oli essenziali rilasciati dal macinato.
pulizia macchina del caffè

Per pulire il dosatore ti consiglio di svuotarlo dal caffè aiutandoti con un pennello e di spruzzare un po’ di sanificante su un pezzo di carta per poi passarlo sulle pareti del dosatore in modo da eliminare eventuali depositi di oli essenziali.

Fatto tutto???

Bene, ora passiamo alla pulizia del macinino on-demand…

Il Macinino on-demand è un macinacaffè che macina il caffè istantaneamente  di conseguenza non ci sarà un dosatore su di esso ma il macinato verrà erogato direttamente nel portafiltro.

Per quanto riguarda la pulizia del macinacaffè on-demand la procedura è la stessa di quella del macinadosatore fatta eccezione per la pulizia del dosatore che non essendoci dovrete saltare.

Spero sia tutto chiaro ma per rendere le cose ancora più facili vi riassumerò le procedure di pulizia da fare e con quale frequenza farle:

PartiFrequenzaProceduraProdotto
Lance vaporeGiornaliera Inserire le lance vapore in una soluzione di acqua fredda e pulymilk, azionate per 7 sec il vapore e spegnetelo per altri 7 sec. Ripetete l’operazione da 5 a 7 volte.Pulymilk
PortafiltriGiornaliera Immergere porta filtri in acqua bollente e pulycaff 20 minPulycaff
FiltriGiornaliera Immergere i filtri in acqua bollente e pulycaff per 20 minPulycaff
DoccetteGiornaliera Immergere le doccette in acqua bollente e pulycaff per 20 minPulycaff
InfusoriGiornaliera Immergere gli infusori in acqua bollente e pulycaff per 20 minPulycaff
Circuito macchina del caffèGiornaliera 1 cucchiaino di pulycaffè nel filtro cieco, azionare e stoppare per 10 sec. 5 volte e risciacquare allo stesso modo senza pulycaff ogni gruppo Pulycaff
Tramoggia macinacaffèOgni 3 giorniSpruzzare la campana con Pulybarsteril e asciugare con della cartaPulybar Igienic
MacineOgni 3 giorniInserire il Pulygrind nella camera di macinazione e macinare il prodottoPuly grind
DosatoreGiornaliera Rimuovere il caffè macinato e pulire con del sanificante le superfici del dosatorePulybar Igienic